2022

Cortina d'Ampezzo (BL), 02 - 09 - 22
Attorno alle 15.10 dei passanti si sono imbattuti in un escursionista colto da malore sotto il Lagazuoi e hanno dato l'allarme. Il 71enne, cittadino svizzero, che si era sentito poco bene mentre si trovava sul ghiaione alla base del Sentiero dei Kaiserjäger, è stato preso in consegna dall'equipe medica dell'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano, che gli ha prestato le prime cure, per poi caricarlo a bordo e trasportarlo all'ospedale di Belluno.
Longarone (BL), 02 - 09 - 22
Sono gravi le condizioni di un escursionista canadese, ruzzolato una trentina di metri tra salti di roccia, non distante dal Rifugio Pian de Fontana. L'uomo di 73 anni si trovava con due familiari lungo il sentiero che scende verso il Rifugio, quando era scivolato finendo sul ripido pendio erboso con rocce affioranti. Scattato l'allarme attorno alle 14, l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha individuato il posto in cui si trovava l'uomo, raggiunto nel frattempo anche dalla gestrice del Pian de Fontana, che aveva prima dato alla Centrale coordinate e indicazioni sull'eventuale presenza di nubi. Sbarcati con un verricello di 20 metri, medico, infermiere e tecnico di elisoccorso hanno prestato immediata assistenza all'uomo per il possibile politrauma riportato, per poi spostarlo in un luogo più adatto a proseguire le prime cure urgenti. L'eliambulanza lo ha quindi trasportato all'ospedale di Treviso. Pronta in piazzola a intervenire anche una squadra del Soccorso alpino di Longarone.
San Vito di Cadore (BL), 02 - 09 - 22
A mezzogiorno e mezza circa la Centrale del 118 è stata allertata per una escursionista, che si era fatta male a metà percorso della Ferrata Berti al Sorapis e non era più in grado di proseguire. Risaliti alle coordinate del punto, in un momento in cui le nubi lo hanno permesso l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore si è avvicinato alla parete e il tecnico di elisoccorso ha recuperato con il verricello la 49enne tedesca, che era con un gruppo di persone quando aveva sbattuto un ginocchio. La donna è stata trasportata all'ospedale di Pieve di Cadore.
Gallio (BL), 01 - 09 - 22
In giro per funghi nei boschi, due amici si sono persi di vista. Quando uno è tornato a Campomuletto, da dove erano partiti, e non ha più visto rientrare l'amico, il cui cellulare non era raggiungibile, ha dato l'allarme. Attivato attorno alle 14, il Soccorso alpino di Asiago ha fatto uscire le sue squadre, che si sono distribuite nell'area indicata dal chiamante. Dopo un'oretta, la Centrale è riuscita a contattare il disperso, un 75enne di Vicenza, e a risalire alle coordinate del punto in cui si trovava, comunicate via radio ai soccorritori, che si sono avvicinati , finché c'è stato il primo contatto vocale. Una volta individuato, una squadra lo ha raggiunto nei pressi di una pista forestale da esbosco e da lì lo ha guidato alla strada bianca più vicina. Caricato a bordo del fuoristrada, il cercatore di funghi è stato accompagnato alla macchina.
Falcade (BL), 01 - 09 - 22
È stato purtroppo rinvenuto senza vita l'escursionista di Ferrara, per il cui mancato rientro da una passeggiata ieri attorno alle 20 erano partite le ricerche nell'area attorno al Campeggio Eden da dove si era incamminata nel primo pomeriggio, senza dare indicazioni sulla destinazione, con il cellulare che suonava libero.
Una squadra, che stava perlustrando l'area assegnata dal Centro mobile di coordinamento, verso le 11.20 ne ha individuato il corpo a terra nel bosco, 300 metri sopra la strada bianca che entra nella Valle di Focobon. All'origine del decesso di T.M, 46 anni, di Ferrara, quasi sicuramente un malore. Ottenuto il nulla osta della magistratura, la salma è stata imbarellata e trasportata fino al carro funebre. Hanno preso parte alla ricerca oggi un settantina di persone del Soccorso alpino di Val Biois, Agordo, Alleghe, Val Pettorina, della Guardia di finanza di Cortina, Auronzo, Passo Rolle, Vigili del fuoco, Carabinieri forestali. L'elicottero della Sezione aerea di Bolzano della Guardia di finanza dotato di Imsi Catcher ha effettuato un sorvolo dell'area, così come i droni dei Vigili del fuoco provvisti del medesimo sistema di individuazione degli apparecchi cellulari. Erano inoltre presenti numerose unità cinofile.
Feltre (BL), 01 - 09 - 22
Ieri attorno a mezzanotte la Centrale del Suem ha attivato il Soccorso alpino di Feltre, per una vettura uscita di strada da circa 3 metri all'altezza di un ponte in Via Vette, tra Villabruna e Foen. Una squadra ha raggiunto il luogo indicato e ha dato il proprio supporto ai Vigili del fuoco già sul posto, che avevano estricato dell'abitacolo della Panda il 26enne di Feltre (BL) alla guida. Dopo che il personale sanitario dell'ambulanza ha prestato il primo aiuto al ragazzo a seguito dei probabili traumi alle gambe riportati, i soccorriori hanno sollevato la barella sulla strada per poi caricarla nel mezzo partito in direzione dell'ospedale di Feltre.
Falcade (BL), 31 - 08 - 22
Attorno alle 20 il Soccorso alpino della Val Biois è stato allertato per prendere parte alla ricerca di un 46enne di Ferrara, partito nel primo pomeriggio dal Camping Eden di Falcade per una camminata e non rientrato. Tommaso, capelli castani, è alto un metro e 80 ed è di corporatura normale, indossa una tuta da ginnastica scura, scarponi e ha uno zaino nero con sé. Chiunque lo abbia visto è pregato di contattare i Carabinieri. 
Cencenighe Agordino (BL), 31 - 08 - 22
Alle 18.30 il Soccorso alpino della Val Biois è stato attivato per un possibile supporto all'elicottero di Dolomiti Emergency, atterrato nel greto del torrente Cordevole per una macchina uscita di strada in località Ghisel, sul posto anche i Vigili del fuoco e un'ambulanza. L'equipe medica ha prestato le prime cure al guidatore, finito con l'auto una decina di metri più in basso, sotto il muro di contenimento dopo aver divelto il guardrail. Imbarellata, la persona è stata imbarcata a seguito dei possibili traumi riportati e trasportata all'ospedale di Belluno.
Cortina d'Ampezzo (BL), 31 - 08 - 22
Attorno alle 16 una squadra del Soccorso alpino di Cortina è intervenuta in jeep al Rifugio Averau, dove si trovava una turista 48enne polacca con un sospetto trauma al ginocchio. L'escursionista è stata trasportata direttamente all'ospedale di Cortina.
Sedico (BL), 31 - 08 - 22
Questa mattina la Centrale del Suem è stata attivata una un uomo che era caduto da un albero, dove stava scattando delle foto naturalistiche nella zona di Candaten. Il 70enne di Longarone (BL) si trovava a 4-5 metri da terra su una postazione in legno, quando era scivolato nel vuoto, riportando un probabile politrauma. In suo aiuto è decollato l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, che ha individuato la sua macchina e poi un amico che era arrivato nel frattempo e dava indicazioni all'equipaggio. Atterrati nelle vicinanze, equipe medica e tecnico di elisoccorso hanno raggiunto l'uomo sul greto del Cordevole e gli hanno prestato le prime cure. Imbarellato, l'infortunato è stato caricato a bordo e trasportato all'ospedale di Belluno.
Cortina d'Ampezzo (BL), 30 - 08 - 22
Attorno alle 17 una squadra del Soccorso alpino della Guardia di finanza di Cortina è intervenuta lungo la pista di downhill Tofanina, per un giovane ciclista che era caduto e si era fatto male. Il sedicenne milanese è stato raggiunto dai soccorritori avvicinatisi in fuoristrada, che gli hanno prestato prima assistenza e lo hanno poi accompagnato al Codivilla, per il sospetto trauma al gomito riportato.
Alleghe (BL), 30 - 08 - 22
Attorno alle 16 l'elicottero di Dolomiti Emergency è stato inviato lungo il sentiero numero 565, che dal Rifugio Tissi scende ad Alleghe, per un escursionista che si era fatto male a un piede scendendo da solo. Il 55enne di Casier (TV) è stato quindi individuato e recuperato con un verricello di 30 metri, per essere poi trasportato all'ospedale di Agordo con un sospetto trauma alla caviglia.
Cortina d'Ampezzo (BL), 30 - 08 - 22
Non appena il maltempo lo ha permesso, l'elicottero di Dolomiti Emergency è intervenuto 150 metri circa sotto la cima del Bec de Mesdì, dove una coppia di alpinisti di Bressanone (BZ), lui 67 anni, lei 62, non era più in grado di proseguire dopo aver preso una grandinata. Recuperati all'inizio di un canalone, a due tiri dall'uscita della via, entrambi sono stati recuperati in due rotazioni dal tecnico di elisoccorso, con un verricello di 50 metri. Gli scalatori sono poi stati lasciati a Malga Federa.
Santo Stefano di Cadore (BL), 30 - 08 - 22
Verso le 14.50 una squadra del Soccorso alpino della Val Comelico, assieme a una del Soccorso alpino della Guardia di finanza di Auronzo, è intervenuta in Val Visdende, per un escursionista con shock anafilattico per punture di insetti. L'uomo, che si trovava con la moglie e un amico in località Ravanel, a 300 metri dal Ristorante Plenta, aveva infatti calpestato un nido di vespe di terra, manifestando subito malessere dopo essere stato punto. Sbarcati nelle vicinanze dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, medico, infermiere e tecnico di elisoccorso hanno subito prestato le prime cure al 60enne di Montereale Valcellina (PN). Imbarellato, l'uomo è stato poi caricato dai soccorritori sulla jeep e trasportato fino all'eliambulanza atterrata poco distante e decollata verso l'ospedale di Belluno.
Canale d'Agordo (BL), 30 - 08 - 22
Questa mattina verso le 10.15 il Soccorso alpino della Val Biois è stato attivato per un cercatore di funghi ruzzolato una sessantina di metri fermandosi addosso a un albero, dopo essere scivolato sul fogliame bagnato di una faggeta, sopra le scuole medie di Canale  d'Agordo. L'amico che era con lui, non avendo con loro il cellulare, è corso a chiedere aiuto e ha guidato i soccorritori - 8 volontari compresa un'infermiera della Stazione - a ritroso tra la vegetazione, finché le squadre non hanno ritrovato il 59enne di Falcade (BL), che aveva riportato contusioni e sospetti traumi toracico e a un braccio. Le sue condizioni sono state poi valutate dall'equipe medica e dal tecnico di elisoccorso dell'elicottero di Dolomiti Emergency verricellati sul posto. Stabilizzato e imbarellato, l'infortunato è stato calato per 120 metri per arrivare sul prato sottostante, dove è avvenuto il recupero sempre con il verricello. L'eliambulanza è poi volata all'ospedale di Belluno.
Livinallongo del Col di Lana (BL), 29 - 08 - 22
Attorno alle 10.15 il Soccorso alpino di Livinallongo è stato attivato per una cercatrice di fungi che si era fatta male a un piede e non era piu in grado di proseguire. La 50enne di Livinallongo del Col di Lana (BL) si trovava nei boschi di località Col de Teba, nelle vicinanze di Andraz, quando a seguito di una brutta scivolata aveva riportato un probabile trauma alla caviglia. La donna aveva cercato di scendere da sola, ma a un certo punto si era dovuta fermare per il dolore. Raggiunta subito dal marito, non appena sono sopraggiunti i soccorritori all'infortunata è stato bloccato il piede. Caricata sul pick up della Stazione, è stata quindi accompagnata al rendez vous con l'ambulanza diretta all'ospedale di Agordo.
Pagina 5 di 36

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.