2023

Gallio (VI), 07 - 01 - 23
Attorno alle 12.40 il Soccorso alpino di  Asiago è stato allertato per uno sciatore caduto a un paio di chilometri di distanza dal Centro Fondo Campomulo. Arrivati con le motoslitte al traino delle jeep, i soccorritori le hanno scaricate e, dopo aver imbarcato l'infermiere dell'ambulanza giunta in contemporanea, si sono diretti dall'uomo, un sessantenne che aveva riportato un probabile trauma a un'anca. L'uomo era da solo al momento della caduta, poi assistito da altri sciatori di passaggio e dal personale del Centro fondo sopraggiunto in motoslitta. Dopo averlo stabilizzato e imbarellato, la squadra lo ha trasportato all'ambulanza, partita in direzione dell'ospedale di Asiago. 
Vodo di Cadore (BL), 07 - 01 - 23
Attorno a mezzanotte e un quarto il Soccorso alpino di San Vito di Cadore è stato attivato, per una donna bloccata con la propria auto sulla strada di Ciandolada, che da Zoppè di Cadore porta a Vodo di Cadore passando per il Rifugio Talamini, attualmente chiusa. Diretta con la propria auto a Cortina d'Ampezzo, la 44enne croata, che aveva seguito le indicazioni del Gps che le aveva mostrato quel percorso, si è trovata sulla strada innevata a dover affrontare una salita e la macchina è uscita di strada piantandosi nella neve. Una squadra è risalita con il quad da Vodo di Cadore e ha raggiunto la donna. Dopo aver messo le catene all'auto, i soccorritori hanno riportato la vettura sulla sede stradale utilizzando un verricello, per poi scendere verso Zoppè, da dove la donna si è poi allontanata autonomamente. La squadra è quindi rientrata. 
Gallio (VI), 06 - 01 - 23
Alle 10.40 circa il Soccorso alpino di Asiago è stato attivato per uno sciatore, che si era fatto male sulle piste di sci di fondo di Campomulo. Il 62enne di Udine, che si trovava con la moglie e un amico nei pressi di Malga Mandrielle, era caduto sbattendo sul fianco e non era più in grado di proseguire autonomamente. I soccorritori hanno raggiunto con i fuoristrada Campomulo, dopo due chilometri di colonna per il traffico, per poi proseguire con le motoslitte. Una volta raggiunto, all'uomo sono state prestate le prime cure. Caricato in barella, l'infortunato è stato trasportato al parcheggio e affidato all'ambulanza diretta all'ospedale di Asiago.  
Cortina d'Ampezzo (BL), 04 - 01 - 23
Attorno alle 14.30 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Croda Rossa, dove uno scialpinista si era fatto male 200 metri sotto Forcella Colfiedo. Il 34enne di Padova, assistito da altre due persone, era caduto e una lamina dello sci gli aveva procurato un taglio sulla testa. Individuato dell'equipaggio, lo sciatore è stato recuperato dal tecnico di elisoccorso con un verricello di 50 metri, per essere poi trasportato all'ospedale di Pieve di Cadore.
Marano di Valpolicella (VR), 04 - 01 -23
Ieri alle 18.50 circa il Soccorso alpino di Verona è stato attivato per due escursionisti, al buio e fuori sentiero, nella zona della Val Sorda, sul posto i Vigili del fuoco. I due ragazzi, 22 e 25 anni, di San Giovanni Lupatoto e Verona, erano partiti alle 15 da Molin del Cao diretti al Ponte Tibetano. Lungo il percorso hanno però smarrito la traccia che porta a Malga Biancari e, senza pile e con il cellulare quasi scarico, si sono fermati sopra alcuni salti di roccia dando l'allarme. Risaliti alle coordinate Gps del punto in cui si trovavano durante l'avvicinamento, i soccorritori li hanno individuati e raggiunti. Dopo averli dotati di imbrago e assicurati, poiché il terreno era scivoloso e indossavano scarpe da ginnastica, la squadra li ha riportati sul sentiero e da lì alla macchina. L'intervento si è concluso verso le 22.30.
Borso del Grappa (TV), 03 - 01 - 23
Alle 16.15 circa il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato attivato per un parapendio precipitato appena sotto il decollo da Bepi e rimasto sospeso su un albero a una decina di metri da terra. Raggiunto dal personale sanitario dell'automedica del Suem di Crespano, ci si è subito sincerati che il 56enne tedesco fosse incolume. Un soccorritore con il supporto della squadra ha quindi risalito la pianta con tecniche da treeclimbing e, dopo aver assicurato il pilota, lo ha calato al suolo. L'uomo è stato poi riaccompagnato fino alla strada a una cinquantina di metri di distanza.
Cortina d'Ampezzo (BL), 02-01-23
Questa mattina verso le 11.30 una squadra del Soccorso alpino di Cortina è intervenuta in supporto agli operatori dell'ambulanza, per una sciatrice di fondo caduta a 100 metri dalla statale prima di arrivare a Fiames. La donna, che aveva riportato un sospetto politeama, è stata trasportata fino all'ambulanza e da lì all'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, che l'ha accompagnata all'ospedale di Belluno. 
Cesiomaggiore (BL), 30 - 12 - 22
Ieri attorno alle 17 il Soccorso alpino di Feltre è stato allertato dalla Centrale del 118, per tre escursionisti padovani bloccati dal ghiaccio sotto Casera Cimonega. I tre ragazzi di 28, 29 e 26 anni erano partiti la mattina alle 10 da Padova con l'intenzione di risalire dalla Val Canzoi al Bivacco Feltre dove avrebbero passato la notte. Lungo il sentiero 806, senza attrezzatura appropriata, solo con le pedule ai piedi hanno però iniziato a incontrare le difficoltà legate alla presenza di neve dura e ghiaccio. I tre hanno quindi deciso di tornare indietro, ma si sono dovuti fermare per non scivolare lungo le lingue di vecchie valanghe che all'andata erano riusciti a superare in salita. Sette soccorritori sono arrivati in fuoristrada in località al Frassen per poi intraprendere il cammino. La squadra, dopo aver calzato ramponi nei tratti più ripidi, ha poi raggiunto i ragazzi a 1.500 metri di quota. Dato loro tè caldo da bere e dotati di imbrago, casco e ramponi, i soccorritori li hanno assicurati alla corda e riaccompagnati a valle. L'intervento si è concluso verso le 22.

 

 
 
 
Falcade (BL), 01- 01- 23
Mentre con la famiglia stava passeggiando in prossimità di Malga Pradazzo, non distante da Passo Valles, un bimbo di 8 anni di Mogliano Veneto (TV) si è avvicinato per guardare se ci fossero animali all'interno e proprio in quel momento la neve presente sul tetto è scivolata sommergendolo. Scattato l'allarme al 118 verso le 14.30, è stato immediato l'intervento del padre e delle altre persone presenti che lo hanno subito estratto, cosciente e senza aver riportato conseguenze. La famiglia in pochi minuti è stata raggiunta da tre motoslitte - del Soccorso alpino della Val Biois, degli Impianti Falcade Col Margherita e del Soccorso piste della Polizia - e dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore atterrato nelle vicinanze. Per fortuna, a parte lo spavento, il bambino sembrava illeso, pur lamentando male a una caviglia. Dopo un primo controllo dell'equipe medica, in via precauzionale è stato caricato a bordo assieme alla madre e trasportato all'ospedale di Belluno per eventuali approfondimenti. 
Pagina 2 di 2

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.