Lunedì, 14 Settembre 2020 10:52

NUMEROSI INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 13 - 09 - 20
Questa mattina alle 9.30 è scattato l'allarme per un cacciatore scivolato e ruzzolato per alcuni metri in un bosco sotto la Fertazza, versante Alleghe. G.D.T., 67 anni, di Alleghe (BL), che pur da solo era riuscito a chiamare il fratello e a far partire l'allerta, è stato individuato in zona Rocchetta dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore dopo aver imbarcato un tecnico del Soccorso alpino di Alleghe in supporto alle operazioni. Imbarellato dal personale medico, l'infortunato è stato recuperato con un verricello di 30 metri e trasportato all'ospedale di Belluno con un possibile politrauma. Presente anche una squadra di soccorritori. Il Pelikan di Bolzano è invece stato inviato sulla via normale della Croda da Campo, a Padola di Comelico Superiore, per un sedicenne di Vigo di Cadore (BL), che, a quota 2.400 metri, aveva riportato un taglio al ginocchio. Il ragazzo è stato accompagnato al Codivilla. Attorno a mezzogiorno l'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore è intervenuta nel Vallon del Froppa a Calalzo di Cadore, dove un escursionista era ruzzolato per una trentina di metri in un ghiaione a 2.400 metri di altitudine. L'infortunato, A.M., 56 anni, di Calalzo di Cadore (BL), è stato portato a Belluno con un possibile trauma cranico. Sono invece gravi le condizioni di F.C., 44 anni, di Istrana (TV), inciampato e caduto per una cinquantina di metri mentre percorreva la via normale alla Cima Nord del San Sebastiano, Agordo. All'uomo, che si trovava con altre persone, l'equipe medica dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore sbarcata nelle vicinanze ha subito prestato le prime cure urgenti a seguito del probabile trauma cranico riportato, per poi imbarcarlo e volare all'ospedale di Treviso. Due gli incidenti in mountain bike: uno in discesa sulla sterrata lungo le piste del Col Margherita, a Falcade, con un sospetto trauma alla colonna per il ciclista recuperato dall'elicottero di Trento, uno a Porta Vescovo, Arabba, per il quale è intervenuto il Soccorso alpino di Livinallongo che ha raggiunto G.J.S., 60 anni, di Ortisei (BZ), lo ha stabilizzato a seguito dei probabili traumi da caduta e lo ha condotto fino all'ambulanza della Croce Bianca partita in direzione di Corvara.
 
Pubblicato in 2020
Martedì, 07 Gennaio 2020 14:34

CANE PRECIPITA IN UN DIRUPO

Cerna (VR), 06 -01-20
Attorno alle 14.40 il Soccorso alpino di Verona è stato allertato su richiesta dei proprietari di un cane da caccia che, durante una battuta al cinghiale, era precipitato in un dirupo nel Vaio delle Scalucce. Una squadra si è portata sul posto dove purtroppo la bestiola, bloccatasi in un primo momento su dei rami qualche metro più in basso, cercando di spostarsi era caduta per diverse decine di metri lungo il salto verticale. Due soccorritori si sono calati un'ottantina di metri fino alla base, ma pur cercandolo nei dintorni non lo hanno trovato, né sentito. La squadra è quindi rientrata.
Pubblicato in 2020
Lunedì, 14 Ottobre 2019 10:41

CACCIATORE MUORE COLTO DA MALORE

Domegge di Cadore (BL), 13 - 10 - 19
Attorno alle 5 e tre quarti la Centrale del 118 è stata allertata dal figlio di un cacciatore colto da malore in una zona tra il Rifugio Baion e il Ciareido, sulle Marmarole. Ricevute le coordinate una decina di soccorritori ha raggiunto l'uomo esanime, poco sotto il sentiero, ed è subentrata al figlio nelle manovre per tentare di rianimarlo, finché alle 6.45 è sopraggiunto il Pelikan 2, che ha sbarcato l'equipe medica e il tecnico di elisoccorso. Purtroppo a nulla sono valse le manovre messe in atto e il medico ha purtroppo potuto solamente constatare il decesso di R.C., 64 anni, di Lozzo di Cadore (BL). Ottenuto il nulla osta dalla magistratura per la rimozione, la salma ricomposta e imbarellata è stata trasportata con il verricello dall'eliambulanza al Rifugio Baion, da dove i soccorritori l'hanno poi accompagnata alla strada per affidarla al carro funebre.
Pubblicato in 2019
Martedì, 11 Dicembre 2018 16:37

CACCIATORE PRECIPITA E PERDE LA VITA

Alpago (BL), 02 - 12 - 18
Attorno alle 11 la Centrale del 118 è stata allertata da un cacciatore, che non vedeva più il compagno, tornando indietro da un costone dove stavano scendendo sul Venal di Montanes. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore si è portato sul luogo indicato e durante la ricognizione ha scorto il corpo inerme dell'uomo, caduto per una cinquantina di metri tra le rocce. Constatato il decesso dovuto ai traumi riportati, la salma di R.S., 55 anni, di Cordignano (TV), è stata ricomposta, recuperata con un verricello e portata a valle. Su richiesta dei carabinieri, una squadra del Soccorso alpino dell'Alpago è stata accompagnata in quota dall'elicottero per provvedere al recupero dell'arma ed è poi rientrata a piedi. 
Pubblicato in 2018
Venerdì, 16 Novembre 2018 14:44

RECUPERATO CACCIATORE INFORTUNATO

Dolcè (VR), 14 - 11 - 18
Attorno alle 9.30 la Centrale operativa del 118 ha richiesto l'intervento del Soccorso alpino di Verona per un cacciatore che si era fatto male in un prato in località Sant'Andrea. I soccorritori hanno raggiunto in jeep la strada forestale da cui partiva il sentiero, dove si trovava ad attenderli una squadra dei Vigili del fuoco. Assieme, in un quarto d'ora a piedi, grazie alle coordinate ricevute al cellulare hanno geolocalizzato l'infortunato, che si trovava con altri due cacciatori e il personale medico dell'ambulanza. L'uomo, F.L., 70 anni, di Dolcè (VR), che era scivolato sull'erba sbattendo su un sasso, lamentava dolori a una gamba e non era più in grado di camminare. Una volta caricato in barella, il cacciatore è stato trasportato in salita fino al sentiero. Da lì, trattandosi di un rientro impervio con salti di roccia, i soccorritori hanno attrezzato due calate di poco meno di 200 metri per portarlo in sicurezza lungo la discesa. Arrivati sulla strada forestale, è stato caricato sulla jeep dei Vigili e accompagnato all'ambulanza, partita in direzione dell'ospedale di Negrar. 
Pubblicato in 2018
Mercoledì, 07 Novembre 2018 15:46

SOCCORSO CACCIATORE INFORTUNATO

Piovene Rocchette (VI), 03 - 11 - 18
Questa mattina alle 7 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Arsiero per un cacciatore che si era infortunato nei boschi in località Angelo, dopo essere scivolato in una scarpata e aver sbattuto un ginocchio su un sasso. Guidata sul luogo dell'incidente dagli amici e dalla moglie dell'uomo, una squadra di sei soccorritori di Arsiero e due di Schio, tra i quali un infermiere, ha raggiunto l'uomo, R.C., 59 anni, di Piovene Rocchette (VI), che si trovava a circa 500 metri di distanza dalla strada. Una volta prestategli le prime cure per una probabile lussazione, l'infortunato è stato imbarellato e trasportato a valle fino all'ambulanza, partita poi in direzione dell'ospedale di Santorso.
Pubblicato in 2018
Giovedì, 20 Settembre 2018 13:48

INTERVENTO IERI SERA IN VAL DI ZOLDO

Val di Zoldo (BL), 13 - 09 - 18
Ieri sera attorno alle 20 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino della Valle di Zoldo per un cacciatore caduto  nei boschi di Malga Vescovà, sopra Pala Favera, e privo di conoscenza. Una squadra è subito partita nella direzione indicata e ha raggiunto il punto in cui si trovava M.C., 27 anni, di Val di Zoldo (BL), anche grazie ai segnali di luce degli amici che erano nel frattempo arrivati da lui. Il cacciatore, che era ruzzolato per diversi metri e aveva riportato un possibile politrauma, era tornato in sé, anche se non ricordava cosa gli era capitato. Caricato in barella è stato trasportato dai sette soccorritori per una mezz'ora lungo il pendio fino alla strada, dove attendevano l'ambulanza e il medico dell'equipaggio del Pelikan di Bressanone, atterrato a Pala Favera. Accompagnato all'elicottero, il ragazzo è stato imbarcato e portato all'ospedale di Bressanone. L'intervento si è concluso alle 22.30 circa.
Pubblicato in 2018
Lunedì, 02 Ottobre 2017 11:00

RECUPERATA PERSONA SENZA VITA

Alano di Piave (BL), 01 - 10 - 17
Attorno alle 10, su richiesta dei carabinieri, l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto nella zona di Malga Camparona, per un uomo ritrovato senza vita nella sua casera sita nelle vicinanze. D.D.C., 67 anni, di Alano di Piave (BL), aveva passato la notte in baita per andare a caccia questa mattina, ma gli amici lo hanno trovato esanime davanti alla casera, colto quasi sicuramente da malore, e hanno dato l'allarme. Il personale medico dell'equipaggio ha solamente potuto constatarne il decesso. Ricomposta, la salma è stata trasportata in fuoristrada alla Malga, per essere caricata a bordo e trasferita a Vas.
Pubblicato in 2017

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.