Articoli filtrati per data: Novembre 2020

Giovedì, 05 Novembre 2020 14:08

SOCCORSA SCIALPINISTA INFORTUNATA

Cortina d'Ampezzo (BL), 01 - 11 - 20

Alle 10.50 circa la Centrale del 118 è stata allertata per una scialpinista infortunatasi, mentre con un'altra persona si trovava nel Vallone di Punta Negra. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha raggiunto il luogo dell'incidente e ha sbarcato in hovering il tecnico di elisoccorso, medico e infermiere. I soccorritori hanno prestato le prime cure a M.S., 49 anni, di Milano, che lamentava dolore a una gamba dopo aver fatto una curva con gli sci. Dopo essere stata imbarellata, la sciatrice è stata imbarcata con un verricello di 5 metri e trasportata all'ospedale di Belluno.

Pubblicato in 2020
Giovedì, 05 Novembre 2020 14:07

MALORE IN BAITA

Falcade (BL), 01 - 11 - 20

Questa notte verso mezzanotte e mezza il Soccorso alpino della Val Biois è stato allertato per un ragazzo che si era sentito male in una delle baite della Valfredda. Il giovane, un ventitreenne di Falcade, aveva infatti avuto un malore, era caduto a terra e aveva sbattuto la testa, perdendo i sensi e riportando una ferita. Poiché la casera non è raggiungibile se non a piedi, una squadra assieme a un'infermiera si è avvicinata in jeep per poi incamminarsi e raggiungere in un quarto d'ora il posto. Medicato il giovane, che si era ripreso quasi subito, i soccorritori lo hanno caricato in barella, trasportato al fuoristrada e da lì al Rifugio Flora Alpina, dove attendeva l'ambulanza della Croce Verde Val Biois per accompagnarlo all'ospedale di Agordo.

Pubblicato in 2020
Taibon Agordino (BL), 31 - 10 - 20
Attorno alle 14 la Centrale del Suem è stata allertata da due escursionisti che avevano perso di vista l'amico in Valle di San Lucano e non riuscivano più a trovarlo. I tre si trovavano tra Forcella Caoz e Malga Pape quando, dopo essersi fermati assieme, S.D.A., 53 anni, di Martellago (VE), era andato avanti da solo distanziandoli. Arrivati in un tratto innevato senza vedere le sue impronte, i compagni si sono preoccupati e, non essendoci copertura telefonica, si sono affrettati verso località Pont per dare l'allarme. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è subito volato sul posto e durante la ricognizione lungo le creste è stato notato un oggetto all'inizio di un canale. L'eliambulanza  ha quindi iniziato a scendere lungo la stretta valle, fino a scorgere il corpo dell'uomo, ruzzolato per circa 200 metri. Dopo aver sbarcato con il verricello equipe medica e tecnico di elisoccorso, l'elicottero è sceso in Valle di San Lucano e ha imbarcato due tecnici del Soccorso alpino di Agordo in supporto alle operazioni. All'infortunato, che presentava un possibile gravissimo politrauma, sono state prestate le prime cure urgenti. Imbarellato, è stato issato a bordo con il verricello e trasportato all'ospedale di Belluno, da dove è stato poi trasferito a Treviso, mentre i due soccorritori di Agordo provvedevano a smantellare l'attrezzatura, per essere poi imbarcati dell'elicottero in un secondo tempo. Altri sei soccorritori erano pronti a intervenire in supporto alle operazioni.
Verso le 13 l'elicottero del Suem era intervenuto ad Auronzo di Cadore, in prossimità del Rifugio Lavaredo, sotto le Tre Cime, per un escursionista di 68 anni, colto da malore lungo il sentiero. L'uomo è stato raggiunto da medico, infermiere e tecnico di elisoccorso sbarcati in hovering nelle vicinanze, per essere poi caricato a bordo con il verricello e accompagnato all'ospedale di Belluno per le valutazioni del caso.
Pubblicato in 2020
Giovedì, 05 Novembre 2020 14:00

INFORTUNIO SUL BOALE DEL BAFFELAN

Valli del Pasubio (VI), 31 - 10 - 20
Alle 10.30 circa il Soccorso alpino di Schio è stato allertato per un infortunio nel Boale del Baffelan. Saliti dal sentiero di arroccamento, due amici hanno poi deciso di rientrare alla macchina dal Boale del Baffelan, danneggiato in questi giorni a seguito delle recenti piogge. Durante la discesa, quello che si trovava a monte è scivolato finendo addosso all'amico, che era fermo sopra un salto di roccia ed è caduto in avanti per un metro mettendo male il piede e ruzzolando a valle. Risaliti al punto in cui si trovavano grazie alle coordinate fornite da GeoResQ, un primo soccorritore è subito partito dalla base del Boale, per raggiungerli, sincerarsi delle condizioni e informare la squadra in arrivo dell'attrezzatura necessaria. Una volta da M.C., 35 anni, di Thiene (VI), i soccorritori gli hanno prestato le prime cure per un probabile trauma alla caviglia e al polso, lo hanno imbarellato, per poi calarlo un'ottantina di metri con barella portantina fino in fondo al canale e proseguire per un paio di chilometri pianeggianti. Arrivati a Malga Baffelan, l'infortunato è stato quindi trasportato direttamente all'ospedale di Santorso.
Pubblicato in 2020
Pagina 5 di 5

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.