Articoli filtrati per data: Maggio 2021

Marano di Valpolicella (VR), 23 - 05 - 21

Attorno alle 13.20, la Centrale del Suem ha allertato il Soccorso alpino di Verona, per due escursioniste che avevano perso la traccia del sentiero in Valsorda e non riuscivano più ad orientarsi. Risaliti alla posizione tramite Whatsapp e avuta di seguito la conferma delle coordinate dopo una geolocalizzazione, un soccorritore, che si trovava nelle vicinanze, è sceso a piedi da Malga Biancari, mentre un secondo tecnico partiva in fuoristrada da Verona. Una volta individuate e raggiunte, le due ragazze - entrambe ventinovenni di Ravenna - che si trovavano più a valle rispetto all'intinerario corretto, sono state riaccompagnate sul sentiero e da lì alla loro auto.

Pubblicato in 2021
Lunedì, 24 Maggio 2021 08:48

ALPINISTA PRECIPITA DALLA TORRE DELL'EMMELE

Valli del Pasubio (VI), 23 - 05 - 21Attorno alle 11.15 il Soccorso alpino di Schio è stato allertato per un alpinista precipitato dalle Placche al sole, sulla Torre dell'Emmele, gruppo del Sengio Alto. Primo di cordata, L.S., 75 anni, di Monteviale (VI), perso l'appiglio era volato dalla parete nel tratto iniziale finendo alla base della via e ruzzolando sulla scarpata sottostante per una ventina di metri in tutto. Scattato l'allarme lanciato dalla compagna, mentre una squadra s'incamminava a piedi, sul posto si portava l'elicottero di Treviso emergenza, che non si è potuto però avvicinare per la presenza di nubi basse ed è dovuto atterrare al Rifugio Balasso. Mentre l'infortunato veniva subito aiutato da un'infermiera del Soccorso alpino di Padova casualmente sul posto, l'equipe medica, il tecnico di elisoccorso e un altro soccorritore di Schio si avvicinavano il più possibile in fuoristrada, per poi raggiungere in una mezz'ora a piedi il luogo dell'incidente. Prestate le prime cure all'uomo, che era cosciente, ma aveva riportato un probabile politrauma e molte escoriazioni, i soccorritori lo hanno imbarellato e predisposto per il recupero con l'eliambulanza, arrivata non appena si è aperto un varco. Sollevato con il verricello, l'infortunato è stato imbarcato e trasportato all'ospedale di Vicenza. I soccorritori, dieci in tutto, sono rientrati assieme alla compagna.

Pubblicato in 2021
Sospirolo (BL), 23 - 05 - 21

Per escludere ogni dubbio, a seguito della chiamata di un testimone che nel pomeriggio aveva visto lanciare due bengala di segnalazione nella zona dello Spiz di Vedana, dopo il rientro dei soccorritori alle 21 e dopo il lungo sorvolo dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, una squadra del Soccorso alpino di Belluno è comunque salita lungo la normale fino in cima allo Sperone di Sospirolo, per rientrare a mezzanotte senza alcun riscontro rispetto a persone in difficoltà.

Pubblicato in 2021
Sospirolo (BL), 22 - 05 - 21

Sono rientrate alle 21.20 le squadre del Soccorso alpino di Belluno, attivate verso le 19 a seguito della chiamata di un testimone che, un'ora prima circa, aveva visto due razzi di segnalazione, lanciati a dieci minuti di distanza l'uno dall'altro, nella zona dello Spiz di Vedana. I soccorritori si sono portati sul posto per verificare non ci fossero persone in difficoltà e, mentre l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore effettuava una lunga perlustrazione dall'alto, hanno preso in visione tutti gli accessi possibili allo Spiz di Vedana, per poi spostarsi sullo Sperone e di seguito controllare anche il nuovo sentiero a Tonet di Pascoli. Non trovando alcun riscontro, i soccorritori hanno concluso il sopralluogo.

Pubblicato in 2021
Posina (VI), 22 - 05 - 21
Alle 15.30 circa il Soccorso alpino di Arsiero è stato allertato dalla Centrale del Suem, per un escursionista che si era fatto male mentre scendeva con gli amici dalla Strada degli Scarubbi, dopo essere salito sul Pasubio dalla Strada degli Eroi. Il quarantenne di Merano (BZ), che aveva riportato un sospetto trauma alla caviglia, aveva tentato di proseguire nella discesa, ma poiché la progressione era molto lenta per il dolore al piede, era stato inevitabile chiedere aiuto. Dal momento che la strada è impraticabile con i mezzi per la presenza di lingue di neve, i soccorritori sono risaliti a piedi. Raggiunto a 1.750 metri di quota, l'infortunato è stato stabilizzato e caricato in barella, per essere trasportato a valle in un paio di ore, attrezzando con corde i tratti innevati per il passaggio in sicurezza. Una volta all'auto, l'escursionista si è allontanato autonomamente. Questa mattina dalle 8 alle 13, su richiesta della Prefettura, il Soccorso alpino di Arsiero ha nuovamente preso parte alle ricerche dell'uomo di 79 anni scomparso a Piovene Rocchette, senza alcun riscontro positivo.
Pubblicato in 2021
Lunedì, 24 Maggio 2021 08:40

SOCCORSO PILOTA DI PARAPENDIO

Borso del Grappa (TV), 22 - 05 - 21

Alle 14.20 circa il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato allertato dalla Centrale del Suem, per un parapendio precipitato 50 metri sotto il decollo dai Tappeti. Il pilota, M.L., 71 anni, ungherese, perso il controllo della vela, era infatti finito tra gli alberi, sospeso a 5 metri dal suolo, senza riportare conseguenze. Raggiunto da due squadre, l'uomo è stato recuperato dai soccorritori saliti sulla pianta con tecniche di tree-climbing e calato a terra.

Pubblicato in 2021

Tra i compiti istituzionali del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico ci sono l'informazione e la prevenzione. Da sempre il Soccorso Alpino e speleologico Veneto ha cercato di provvedere a questi compiti, mirati alla sicurezza di chi va in montagna e a prevenire i numerosi incidenti, attraverso i comunicati stampa, con continui appelli alla prudenza, condivisioni dei bollettini meteo e valanghe, consigli - divulgati utilizzando i nostri canali a disposizione – e con giornate organizzate nelle scuole dalle diverse Stazioni, nonché eventi pubblici e manifestazioni. Da tempo avevamo in mente un progetto complessivo per contribuire a diffondere la cultura della montagna in sicurezza, ripartendo dai più giovani. Grazie al sostegno del 5x1000, cui si è poi aggiunto il contributo di Karpos, due anni fa è così partito il progetto ‘Una montagna di sicurezza’ destinato a tutti i frequentatori, i cui risultati sono stati presentati questa mattina in una diretta Facebook dalla sede di Belluno.

“In questo ultimo anno gli interventi di soccorso sono aumentati in modo esponenziale, sicuramente dopo il ‘liberi tutti’ seguito ai lunghi periodi di lockdown – sottolinea il presidente del Soccorso alpino e speleologico Rodolfo Selenati - spesso molti di questi interventi sono dovuti alla scarsa preparazione, alla superficialità o all'inadeguatezza dell'equipaggiamento. Informazione e prevenzione sono tra i compiti istituzionali del Cnsas-Sasv, così, grazie al sostegno del 5x1000, questo progetto fortemente voluto dalla presidenza è pronto per essere presentato ai media. I destinatari sono tutti i frequentatori delle nostre meravigliose montagne venete, in special modo i bambini e i ragazzi. Vogliamo con i nostri materiali didattici trasmettere agli studenti una sana cultura della montagna frequentata in sicurezza, dando loro minime regole basilari per evitare gli incidenti. Il nostro proposito è di portare il progetto nelle scuole appena sarà possibile, concordando con i provveditorati del nostro territorio le modalità. Un progetto che sarà dinamico e che verrà aggiornato di anno in anno”.

Sono consigli di base e buon senso, provenienti anche dagli esempi tratti dagli interventi stessi che portiamo a termine e si rivolgono con un linguaggio appropriato alle diverse fasce di età, adatti a chi va già in montagna e a chi si avvicina per la prima volta. Sono strumenti diversi. Per gli adulti brochure cartacee con i suggerimenti per inverno ed estate; per i bambini delle scuole primarie le piccole regole estate/inverno e un corto di animazione; per i ragazzi delle medie e superiori, due corti di animazione per estate e inverno. Abbiamo inoltre realizzato appositi gadget, dai nuovi adesivi, ai buff con le diverse mascotte. E ne stiamo studiando altri.

Abbiamo iniziato raccogliendo e valutando quanto già esisteva in merito ai consigli sulla sicurezza in montagna, a partire dai diversi pieghevoli in dotazione al Cnsas - compresi alcuni predisposti a suo tempo da noi - per passare a materiale di Cai, altre associazioni, gruppi legati alla montagna. Una volta deciso quali fossero le regole per noi fondamentali da ricordare, anche in base agli interventi per cui siamo chiamati, abbiamo cercato di tradurli, per gli adulti, in due libretti, uno per l’estate e uno per l'inverno, di facile comprensione e di immediata fruibilità. Scelta per comodità la dimensione delle Cartine Tabacco per affiancarli e portarli nello zaino, verranno distribuiti a tutte le Stazioni che potranno divulgarli nei territori in cui operano in occasione di eventi pubblici, manifestazioni, incontri sulla sicurezza, e distribuirli nei rifugi di riferimento.

Per il materiale destinato ai bambini delle scuole primarie abbiamo lavorato con due modalità: riprendendo le piccole regole che già esistevano e aggiornandole nella grafica e soprattutto nella scelta del linguaggio, per rivolgerci direttamente a loro e responsabilizzarli, ma anche spingerli a parlare delle tematiche con i loro genitori. Sono state stampate piccole regole sia estive che invernali. Pur non andando in luoghi rischiosi come i più grandi nella stagione invernale, infatti, abbiamo fatto tesoro delle emergenze che capita anche a noi di affrontare: cadute dalla seggiovia e slittini, scivolate sul ghiaccio. E Abbiamo già voluto inserire parole come Artva, pala, sonda e gradi del rischio valanga, in modo che inizino a sentirne parlare fin da piccoli. Come dicevamo è stato poi ideato un video per i bambini da poter utilizzare in modo interattivo durante la lezione. Dato che i ragazzi delle medie e superiori iniziano a frequentare la montagna in modo più autonomo, abbiamo approfondito gli ambiti estivi e invernali

Intendiamo rivolgerci a tutti perché si muovano con attenzione e partano già sapendo come affrontare la montagna. Non si tratta di una formazione specifica, per questo ci sono i corsi del Cai e delle Guide alpine. Così come per le diverse tematiche: di fronte ai rischi collegati al fulmine, ad esempio, trattiamo i consigli più elementari. Ovviamente ciascuno potrà approfondire ogni tema con esperti e studi specifici. Abbiamo preso in considerazione tutti gli ambiti di intervento per le varie discipline, che abbiamo voluto comparissero nei video per i ragazzi. Abbiamo poi ovviamente trattato come dare l’allarme e come comportarsi all’arrivo dell’elicottero

Questa sarà la seconda estate dopo i blocchi Covid. L'anno scorso, malgrado mesi di chiusura, si è registrato il più alto numero di interventi. Una dimostrazione di quanto sia necessario operare non solo dal punto di vista tecnico del soccorso, ma anche da quello didattico. Il progetto non si fermerà a questa prima realizzazione. Sarà costantemente aggiornato, valutando quali saranno di volta in volta le priorità, adattandolo ai diversi linguaggi dell'informazione e utilizzando i mezzi che riterremo più adatti per raggiungere la più vasta platea possibile. Ovviamente il nostro primo obiettivo saranno sempre i più giovani.

Per la parte grafica ci siamo avvalsi della collaborazione di Toolgraphic di Federica Fant, mentre l'ideazione delle due mascotte Pino Volp e Salva Rech e la creazione dei corti di animazione è opera di Codoro Studio di Andrea Codoro. Ringraziamo gli amici e i soccorritori che ci hanno fornito il materiale fotografico.

Dal 5x1000 sono stati destinati a ‘Una montagna di sicurezza’ 40mila euro, cui si sono aggiunti 5mila euro raccolti da Karpos in un’iniziativa mirata al sostegno dei progetti dei servizi regionali del Cnsas destinati alle scuole. Ringraziamo quanti da sempre ci supportano e ovviamente Karpos, da anni partner del Soccorso alpino e speleologico Veneto.

Pubblicato in 2021
Lunedì, 24 Maggio 2021 08:35

CONCLUSO L'INTERVENTO SUL PASUBIO

Valli del Pasubio (VI), 21 - 05 - 2

Si è concluso alle 22 l'intervento del Soccorso alpino di Schio in aiuto a tre ragazze veronesi, di 23, 26 e 28 anni. I soccorritori le hanno riaccompagnate alla loro auto a Bocchetta Campiglia.

Pubblicato in 2021
Lunedì, 24 Maggio 2021 08:34

RECUPERATE TRE ESCURSIONISTE SUL PASUBIO

Valli del Pasubio (VI), 21 - 05 - 21

Stanno ancora scendendo le squadre del Soccorso alpino di Schio salite al Rifugio Papa, sul Pasubio, dove si trovavano tre ragazze in difficoltà. Le tre escursioniste, non attrezzate in maniera idonea, erano salite dalla Strada delle Gallerie, ancora innevata nella parte alta e con le ultime gallerie parzialmente ostruite. Raggiunto il Rifugio Papa, stanche, infreddolite e con la Strada degli Scarubbi - da cui sarebbero dovute scendere - completamente innevata, hanno chiesto aiuto, una di loro lamentando dolori all'anca. Scattato l'allarme verso le 16.15, otto soccorritori sono saliti con la macchina dalla Val di fieno fin dove è stato possibile, per poi proseguire a piedi lungo il sentiero che porta alla Galleria d'Havet, da dove iniziano cumuli di neve da attraversare con attenzione. Poiché non si conoscevano le condizioni e se si sarebbe potuti arrivare dalla Strada degli Eroi, altri 4 soccorritori hanno percorso il sentiero estivo della Val Canale. Raggiunte le tre amiche al Rifugio Papa, una squadra ha iniziato ad attrezzare i passaggi più impegnativi della Strada degli Eroi da dove sono rientrati tutti, stendendo corde per attraversare i canali innevati dove le escursioniste, dotate di imbrago e casco, sono state assicurate. Una volta a valle saranno accompagnate alla loro auto a Bocchetta Campiglia. Ancora una volta invitiamo alla massima prudenza, a dotarsi di calzature opportune e dell'idonea attrezzatura e a muoversi con la dovuta esperienza, poiché la parte sommitale del Pasubio è ancora invernale.

Pubblicato in 2021
Lunedì, 24 Maggio 2021 08:32

PARAPENDIO SOSPESO SU UNA PIANTA

Borso del Grappa (TV), 20 - 05 - 21
Poco prima di mezzogiorno e mezza il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato allertato dalla Centrale del Suem, per un parapendio precipitato tra gli alberi dopo essere decollato dai Tappeti. Perso il controllo della vela, P.L., 48 anni, di Venezia, era finito tra le piante, sospeso a 10 metri dal suolo, in località Casara Girotto. Illeso, lui stesso aveva lanciato l'allarme fornendo le coordinate del posto in cui si trovava. Una volta individuato, l'elicottero di Treviso emergenza ha sbarcato con un verricello il tecnico di elisoccorso, che ha risalito l'albero con tecniche di tree-climbing. Con il supporto di due soccorritori, ha quindi assicurato il pilota e lo ha calato a terra per affidarlo alla squadra.
Pubblicato in 2021
Pagina 1 di 3

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.