Articoli filtrati per data: Agosto 2021

Domenica, 22 Agosto 2021 13:55

ESCURSIONISTI AFFATICATI SUL SENTIERO

Malcesine (VR), 21 - 08 - 21
Attorno alle 18 il Soccorso alpino di  Verona è stato allertato per una coppia di turisti tedeschi settantenni, che non riuscivano più a proseguire dalla stanchezza, lungo il sentiero che da Bocca di Navene scende a Navene. Tre soccorritori partiti da Verona sono saliti in macchina a 350 metri di quota, per poi proseguire a piedi fino a 800 metri di altitudine dove si trovavano i due. Raggiunta, la coppia è stata lentamente riaccompagnata alla macchina.
Pubblicato in 2021
Domenica, 22 Agosto 2021 13:54

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 21 - 08 - 21
Una squadra del Soccorso alpino di  Cortina e della Guardia di Finanza  è intervenuta poco sopra il Rifugio Averau, verso il Nuvolau, per un'escursionista che si era procurata un probabile trauma alla caviglia. G.G., 30 anni, di Comacchio (FE), che si trovava con il compagno è stata raggiunta, caricata in barella, trasportata al fuoristrada e da lì all'ospedale di Cortina. Poiché non era chiaro il punto in cui un ciclista era caduto non distante dalla Grotta Azzurra a Mel di Borgo Valbelluna, una squadra del Soccorso alpino di Belluno è invece intervenuta per un eventuale supporto all'ambulanza. In realtà A.V., 42 anni, di Feltre (BL), era caduto sulla strada ed è stato trasportato all'ospedale di Feltre. Attorno alle 18 il Soccorso alpino della Val Biois è stato inviato 100 metri sopra la Baita Flora Alpina, a Falcade, per un'escursionista di Agordo di 51 anni, che era scivolata sui sassi di una strada sterrata in discesa, sul posto casualmente già un soccorritore. La donna, che si trovava con altre due persone e lamentava dolori alla caviglia, è stata raggiunta on jeep a 1.850 metri di quota e accompagnata al parcheggio, da dove si è allontanata autonomamente. Una squadra del Soccorso alpino di Agordo si è infine diretta al Rifugio Vazzoler, per una donna di Venezia di 51 anni, che, partita con il marito dal Rifugio Tissi, non riusciva più a camminare per il male a un ginocchio. 
Pubblicato in 2021
Val di Zoldo (BL), 21 - 08 - 21
Alle 14.20 circa il Soccorso alpino della Val di Zoldo  è stato allertato per tre escursionisti bloccati dagli schianti di Vaia nella zona di Casera Pian Grant. I tre amici - di 71 anni di Pascantina (VR), di 60 anni di Villaverla (VI), di 62 anni, di Sandrigo (VI) - che stavano percorrendo l'Alta via numero 3, arrivati verso il Van della Serra, da cui sarebbero dovuti scendere verso il Bivacco Tovanella e Igne, non hanno trovato le tracce e hanno preso il sentiero che porta a Casera Pian Grant, da dove parte una mulattiera, attualmente ancora chiusa per la presenza degli schianti di Vaia, che arriva a Ospitale di Zoldo. gli escursionisti hanno provato una variante, ancora meno percorribile, e poi hanno chiamato il 118. Messi in contatto con il Soccorso alpino è stato detto loro di prendere comunque la strada militare e cominciare a scendere superando le piante a terra, mentre una squadra andava loro incontro. Una volta incrociati, poco sotto la Casera, i soccorritori sono rientrati a piedi con il gruppetto.
Pubblicato in 2021
Domenica, 22 Agosto 2021 13:50

DUE INTERVENTI A BORSO DEL GRAPPA

Borso del Grappa (TV), 21 - 08 - 21
Alle 11.20 circa il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato allertato per un parapendio precipitato sotto il decollo Stella Alpina, con il pilota illeso. La vela arancione, rossa e blu, che si vedeva tra gli alberi dall'abitato di Semonzo, una volta avvicinatesi le squadre, non è stata di facile individuazione senza coordinate nella zona di Casera Palmi. Quando i soccorritori sono riusciti a trovare la via di accesso più agevole, hanno raggiunto le piante su cui si era appoggiato il parapendio, sospeso a 7 metri da terra, e con tecniche di tree climbing sono saliti, hanno svincolato il pilota, un cinquantaseienne olandese, e lo hanno calato a terra. L'uomo ha raccontato alla squadra di non essere precipitato da solo, ma di essersi scontrato in volo con un altro parapendio, poi allontanatosi, e di essere stato costretto ad aprire l'emergenza perché molto vicino alla vegetazione. Alle 15.20 la Stazione è stata nuovamente attivata dal 118 per un ciclista caduto lungo la stradina della Cavallare. E.C., 36 anni, di Mussolente (VI), stava scendendo con due amici in mountain bike da Campo Croce verso Borso, quando aveva perso il controllo della bici. Una squadra è partita in fuoristrada, una seconda in quad, portando l'attrezzatura direttamente sul luogo dell'incidente. Presente anche il personale sanitario del Suem di Crespano con la jeep medicalizzata. L'infortunato, che aveva una possibile lussazione alla spalla, è stato stabilizzato, imbarellato e trasportato per due chilometri fino all'ambulanza partita per l'ospedale di Montebelluna.
Pubblicato in 2021
Sabato, 21 Agosto 2021 15:16

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 21 - 08 - 21
Verso mezzogiorno la Centrale del Suem è stata allertata per un infortunio al Rifugio Son Forca. Al momento di scendere dalla funivia, una turista di Conegliano (TV), di 76 anni, aveva infatti messo male la gamba riportato la sospetta frattura del femore. Sul posto sono arrivate le squadre del Soccorso alpino di Cortina e dei Carabinieri, che hanno assistito la donna, mentre sopraggiungeva l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore. L'infortunata è stata trasferita nella barella dell'eliambulanza, caricata a bordo e portata all'ospedale di Belluno. Sempre a Cortina, una squadra del Soccorso alpino della Guardia di finanza ha raggiunto a piedi un escursionista in difficoltà sotto Punta Nera. R.O., 65 anni, di Trieste, partito dal Vandelli sul sentiero 215 diretto a Forcella Faloria e ai Tondi, passata la forcelletta della Punta Nera si era abbassato rispetto al tracciato finendo sopra salti di roccia, incapace di proseguire. Raggiunto dai soccorritori, l'uomo è stato accompagnato a valle. L'elicottero è poi volato a Sovramonte, atterrando nei prati di Malga Monsampian, nelle cui vicinanze un escursionista era inciampato e caduto in un tratto sassoso, con conseguenti possibili traumi toracico e cranico. R.A., 72 anni, di San Vendemiano (TV), assistito dai compagni di gita, è stato stabilizzato dal personale sanitario e imbarellato, per essere poi trasportato all'ospedale di Belluno.  
Pubblicato in 2021
Sabato, 21 Agosto 2021 15:15

VOLA UNA VENTINA DI METRI SULLA MARMOLADA

Rocca Pietore (BL), 21 - 08 - 21
Questa mattina verso le 10.20 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della parete sud della Marmolada, per un alpinista francese , primo di cordata, volato sulla Via Excalibur. Lo scalatore si trovava sul primo tiro, era caduto e una protezione non aveva tenuto facendolo arrivare alla base della via venti metri più in basso, sullo zoccolo sottostante. Il compagno aveva dato l'allarme. Sul luogo dell'incidente sono stati calati con un verricello di 20 metri equipe medica e tecnico di elisoccorso, che hanno assicurato alla roccia l'infortunato e gli hanno prestato le prime cure per probabili traumi al bacino, cranico e alla caviglia. Una volta imbarellato, l'alpinista è stato recuperato e trasportato all'ospedale di Treviso. 
Pubblicato in 2021
Sabato, 21 Agosto 2021 15:14

SOCCORSA COPPIA OLANDESE IN DIFFICOLTÀ

Auronzo di Cadore (BL), 21 - 08 - 21
Attorno alle 12.15 la Centrale del Suem ha allertato il Soccorso alpino di Auronzo, per una coppia di escursionisti in difficoltà lungo il sentiero numero 117, Bonacossa, nel Gruppo dei Cadini di Misurina. Una squadra del Soccorso alpino della Guardia di finanza, di presidio sulle Tre Cime di Lavaredo, si è quindi avvicinata in jeep per poi procedere a piedi una decina di minuti. I due turisti olandesi, lui 40 anni, lei 37, si erano impauriti in un tratto più esposto verso la cimetta delle Ciampedele e non erano più in grado di muoversi da dove si trovavano. I soccorritori li hanno assicurati con un cordino e aiutati a proseguire fino a scendere sul sentiero sottostante verso il Rifugio Auronzo, a pochi minuti di distanza.
Pubblicato in 2021
Sabato, 21 Agosto 2021 15:13

RITROVATO ANZIANO ALLONTANATOSI DA CASA

Pieve del Grappa (TV), 21 - 08 - 21
Ieri sera attorno alle 21 il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa è stato allertato, a seguito della segnalazione di una donna che, recatasi a Crespano del Grappa a casa del padre di 84 anni, non lo aveva trovato. L'anziano era stato visto l'ultima volta verso le 19 mentre camminava nelle adiacenze della sua abitazione. Otto soccorritori si sono divisi in squadre e hanno iniziato a perlustrare la zona, percorrendo anche le strade silvopastorali con il nuovo quad in dotazione alla Stazione. Fortunatamente dopo un'ora e mezza, una pattuglia dei Carabinieri lo ha individuato sul bordo di una strada asfaltata. Stava bene ed è stato visitato in via precauzionale da un medico del Suem.
Pubblicato in 2021
Malcesine 21 - 08 - 21
Ieri attorno alle 18 il Soccorso alpino di Verona è stato allertato per un giovane escursionista, bloccato in un canale assieme al suo cane sotto l'Altissimo. Il diciannovenne di Paderno Dugnano (MI), attrezzato con tenda e il dovuto, aveva passato una notte fuori sul Monte Baldo, seguendo il sentiero numero 8, aveva raggiunto un punto che in passato ha già ingannato diversi escursionisti, sviandoli su una traccia sbagliata che li fa scendere in un ripido canale. Così era successo e  il giovane si era abbassato per 500 metri di dislivello, superando tratti impegnativi, fino a fermarsi sopra salti di roccia senza poter più risalire a circa  mille metri di quota. Cinque soccorritori di Verona sono partiti assieme a due di Riva e, una volta sul posto hanno valutato le possibilità di intervento, una volta geolocalizzato. Data la difficoltà è la lunghezza di un eventuale ingresso, sia dall'alto che dal basso, mentre due soccorritori di Verona facevano campo base nel punto raggiunto dai fuoristrada, una squadra mista, Verona-Riva risaliva per avvicinarsi lateralmente dai Prati di Nago. Vista la difficile progressione con il buio, poco prima delle 22 è intervenuto l'elicottero di Trento abilitato al volo notturno, che ha individuato il ragazzo e ha recuperato lui e il cane con un verricello, per trasportarli a valle e affidarli  ai soccorritori.
Pubblicato in 2021
Sabato, 21 Agosto 2021 15:11

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 20 - 08 - 20
Attorno alle 18 la Centrale del Suem è stata contattata da un escursionista che da Forcella dell'Orsa doveva scendere verso la Valle di San Lucano lungo il sentiero numero 767, ma trovava delle discrepanze i segnavia e lo stato dei luoghi. Poiché non si riusciva a metterlo in contatto con il Soccorso alpino di Agordo per avere maggiori riferimenti e anche attraverso il 118 non sempre c'era comunicazione, il quarantaduenne di Limana (BL) ha deciso di tornare indietro e scendere dalla Val Canali. Alle 20.20 circa ha contattato la Centrale dicendo che aveva raggiunto il Rifugio Cant del Gal. Verso le 18.40 una squadra del Soccorso alpino di Feltre è stata inviata sul sentiero 802 verso Casera Erera, Cesiomaggiore, a seguito della richiesta di un uomo, la cui moglie, E.Z., di Guastalla (RE), 52 anni, si era fatta male a una caviglia. La donna è stata recuperata in fuoristrada e trasportata all'ospedale di Feltre.  Alle 19.10 due turisti stranieri hanno chiesto aiuto perché non riuscivano a scendere da soli dal punto in cui si trovavano, ovvero, una volta geolocalizzati, a Forcella Faloria sopra gli impianti. Ai due è stato consigliato di scendere fino alla seggiovia Vitelli, dove una squadra del Soccorso alpino di Cortina è salita in jeep, li ha caricati a bordo e accompagnati fino all'albergo.
Pubblicato in 2021
Pagina 4 di 14

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.