Articoli filtrati per data: Settembre 2021

Sabato, 25 Settembre 2021 10:15

SI CERCA UN TORRENTISTA LUNGO IL MAÈ

Longarone (BL), 06 - 09 - 21
Sono in corso da ieri le ricerche di G.S., un quarantenne di Val di Zoldo (BL), partito da casa sua ieri attorno alle 7.30 con l'attrezzatura da canyoning, per scendere il tratto della gola del torrente Maè che fa da Soffranco a Pirago. L'uomo, dopo aver già percorso la parte bassa della forra, voleva infatti completare la parte a monte. Dopo averlo atteso invano, un amico ha lanciato l'allarme attorno alle 18.  Rinvenuta la sua auto parcheggiata a Soffranco e non potendo avere riscontri di telefonia - l'uomo è partito con il cellulare spento nel contenitore a tenuta stagna che aveva con sé, dato che all'interno della forra non c'è copertura - l'asta del torrente è stata divisa a zone. Il Soccorso alpino di Longarone ha perlustrato i punti visibili dall'alto, il Gruppo forre del Soccorso alpino e speleologico Veneto ha controllato il tratto da Pirago verso il Piave, i Vigili del fuoco hanno fatto da Soffranco verso la confluenza del Grisol, da Pirago a Igne e da Igne in giù. Mancava una porzione intermedia di oltre un chilometro più difficile per la presenza di schianti e accumuli di materiale. Verso le 22.30 il Gruppo forre forre è stato accompagnato dalla squadra alpina lungo un ripido sentiero intermedio fino alla partenza in acqua e i soccorrirori sono riusciti a percorrerne una parte per uscire alle 2.30 risalendo lungo le corde lasciate dai Vigili più a valle. Alle 7 è iniziata la perlustrazione con i droni della Guardia di finanza, cui si uniranno quelli del Soccorso alpino. Si ripartirà con il controllo del sentiero di accesso, Gruppo forre e Vigili del fuoco scenderanno nella gola nel tratto più ostico che si sviluppa per circa un chilometro e mezzo.
Pubblicato in 2021
Auronzo di Cadore (BL), 23 - 09 - 21
Ieri verso le 20 la Centrale del Suem ha allertato il Soccorso alpino di Auronzo, per una cordata di alpinisti stranieri in difficoltà sulla Cima Grande di Lavaredo. Arrivati all'undicesimo tiro dello Spigolo Dibona, infatti, i due non erano più in grado di proseguire essendo sprovvisti di frontali ormai già calato il sole. Mentre una squadra si preparava ad intervenire assieme ai colleghi di Dobbiaco al Rifugio Auronzo, l'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è riuscito a individuare i due scalatori grazie alle coordinate fornite dalla Centrale e a recuperarli.
Pubblicato in 2021
Giovedì, 23 Settembre 2021 12:19

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 22 - 09 - 21
Attorno alle 16.20 la Centrale del Suem è stata allertata per due emergenze consecutive, la prima per una cordata di alpinisti belgi usciti fuori traccia dalla Via Eotvos-Dimai sulla Tofana di Rozes. I due di 22 e 25 anni, che si trovavano all'altezza dell'undicesimo tiro, sono stati recuperati dall'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano e  trasportati al Rifugio Dibona. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è invece stato inviato ad Alleghe, lungo la pista da sci di Ru de Porta, dove D.S., 38 anni, di Marcon (VE), era caduto dalla sua mountain bike e si era procurato un probabile lieve politrauma. Imbarcato con un verricello di 40 metri, l'infortunato è stato accompagnato all'ospedale di Belluno. Il compagno è stato aiutato dal Soccorso alpino di Alleghe a portare a valle le biciclette.

 

Pubblicato in 2021
Giovedì, 23 Settembre 2021 12:18

INCIDENTE SULLA FERRATA DEL PATERNO

Auronzo di Cadore (BL), 22 - 09 - 21
Attorno a mezzogiorno la Centrale del 118 è stata allertata per un escursionista caduto per diversi metri mentre percorreva in compagnia la Ferrata del Paterno. L'uomo, che si trovava in un tratto non attrezzato del percorso e aveva riportato un sospetto politrauma, è stato assistito da due soccorritori altoatesini che si trovavano casualmente sul posto e hanno poi supportato nelle operazioni l'equipaggio dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore. Individuato il luogo dell'incidente, con un verricello di 40 metri sono stati sbarcati medico e tecnico di elisoccorso, che hanno prestato le prime cure a H.K., cinquantenne di San Candido (BZ). Imbarellato, l'infortunato è stato issato a bordo e trasportato all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2021
Giovedì, 23 Settembre 2021 12:17

TROVATO SENZA VITA ESCURSIONISTA DI TOLMEZZO

Domegge di Cadore (BL), 22 - 09 - 21
È stato purtroppo ritrovato senza vita, l'escursionista settantunenne di Tolmezzo (UD), G.A., per il cui mancato rientro ieri nel tardo pomeriggio erano scattate le ricerche nella zona di Forcella Scodavacca, dove era diretto dopo essere partito da Forni di Sopra, l'allarme lanciato dal figlio. In supporto alle squadre del Soccorso alpino friulano, attorno alle 20 era stato richiesto anche l'intervento del Soccorso alpino del Centro Cadore che durante la notte aveva portato avanti la perlustrazione nel versante bellunese, concentrandosi nella zona della Tacca del Cridola, dell'attacco alla normale del Cridola e Forcella Scodavacca stessa. Dopo aver parlato con il gestore del Rifugio Giaf, questa mattina i soccorritori hanno saputo che l'uomo, di passaggio, gli aveva detto di aver intenzione di dirigersi o verso la Tacca del Cridola o verso Cima Giaf. Dopo aver imbarcato due soccorritori di Forni di Sopra, l'elicottero della Protezione civile friulana ha quindi effettuato una ricognizione sopra Cima Giaf e lì è stato individuato il corpo esanime in fondo a un canale. Sono quindi stati elitrasportati sul posto due soccorritori del Centro Cadore e due del Sagf di Auronzo per competenza territoriale. L'uomo, che era salito dalla normale, aveva scelto di calarsi con le corde da un canale più a ovest. All'origine dell'incidente mortale, il cedimento di un ancoraggio, che lo ha fatto precipitare per oltre 50 metri. Dopo essere stata imbarellata, la salma è stata poi recuperata con un verricello di 40 metri dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, che l'ha trasportata al Campo sportivo di Domegge per affidarla al carro funebre. In un'altra rotazione l'elicottero ha trasportato a valle anche i soccorritori, mentre il resto delle squadre è rientrato al Passo Mauria alle jeep. 
Pubblicato in 2021
Giovedì, 23 Settembre 2021 12:16

INFORTUNIO SULLA FERRATA LIPELLA

Cortina d'Ampezzo (BL), 21 - 09 - 21

Attorno alle 14.10, la Centrale del 118 è stata allertata per un'escursionista, che si era fatta male nella parte finale della Ferrata Lipella sulla Tofana di Rozes. La trentatreenne residente in Svizzera, che era con il compagno, era infatti scivolata per alcuni metri, riportando escoriazioni e la probabile rottura di un gomito. Individuata a 2.900 metri di quota dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, è stata recuperata dal tecnico di elisoccorso con un verricello di 40 metri, così come anche l'uomo in una seconda rotazione. L'infortunata è stata poi trasportata all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2021
Martedì, 21 Settembre 2021 09:57

RITROVATA NELLA NOTTE ESCURSIONISTA CALIFORNIANA

San Vito di Cadore (BL), 21 - 09 - 21
Ieri sera attorno alle 22 la Centrale del Suem ha allertato il Soccorso alpino di San Vito di Cadore, poiché, raggiunto il Rifugio San Marco, un gruppo di escursionisti statunitensi aveva atteso invano la compagna rimasta indietro, non raggiungibile al cellulare. Percorrendo il Sentiero Minazio, la trentaduenne proveniente dalla California, che procedeva più lentamente rispetto agli amici, era stata infatti distanziata e, rimasta da sola, calato il buio si era persa. Dopo aver raccolto più informazioni possibili da tre dei compagni arrivati al Rifugio, sotto la pioggia battente i soccorritori sono risaliti a Forcella Grande e da lì si sono divisi in squadre per avviare la ricerca nei diversi itinerari che la turista avrebbe potuto seguire. Una si è diretta al Bivacco Slataper, due si sono incamminate nelle altrettante entrate del sentiero Minazio, una alta e una bassa. Ed è lungo il sentiero basso, poco dopo le cascate verso il Bivacco Comici, che la ragazza ha iniziato a rispondere ai richiami. Seguendo una traccia, era scesa una cinquantina di metri in mezzo ai baranci e lì si era fermata incapace di muoversi. Indossava la frontale e appena si è girata verso di loro, la squadra l'ha individuata. Una volta da lei, i soccorritori hanno appurato stesse bene, pur infreddolita e bagnata. Le hanno quindi dato abbigliamento caldo e asciutto e la hanno aiutata a salire sul sentiero. Da lì la hanno accompagnata a Forcella Grande per ricongiungersi con gli altri soccorritori e scendere al San Marco, dove sono arrivati alle 3.30 circa. Per verificare l'escursionista non avesse intrapreso il percorso che porta a Palus San Marco anziché quello verso Forcella Grande all'uscita del Minazio, una squadra del Soccorso alpino di Auronzo era inoltre risalita per la Val di San Vito. 
Pubblicato in 2021
Asiago (VI), 20 - 09 - 21
Attorno alle 15 il Soccorso alpino di Asiago è stato allertato dalla Centrale del 118 per una seconda emergenza. Mentre con la moglie stava scendendo la Calà del Sasso, a circa metà percorso un escursionista era infatti scivolato riportando una sospetta distorsione alla caviglia. Una squadra è quindi partita dall'alto, mentre un soccorritore risaliva dal basso. Dopo aver incrociato l'uomo, M.A., di Noventa Padovana (PD), 66 anni, i soccorritori gli hanno immobilizzato il piede e lo hanno caricato in barella, superando il tratto reso più scivoloso dalla pioggia assicurandosi a una corda fissa. Arrivati, passata un'ora, alla base della scalinata, la squadra lo ha caricato in fuoristrada e accompagnato al tornante dove attendeva l'ambulanza, partita in direzione dell'ospedale di Bassano.
Pubblicato in 2021
Martedì, 21 Settembre 2021 09:41

CADE CON LA MOUNTAIN BIKE

Bassano del Grappa (VI), 20 - 09 - 21
Attorno alle 13.40 è scattato l'allarme per un ragazzo caduto con la propria mountain bike in località Fagarè Basso, verso Valrovina. Il giovane, un ventenne di Bassano del Grappa (VI), che stava scendendo lungo la strada sterrata da solo e aveva riportato un sospetto trauma alla spalla e alcune contusioni, è stato raggiunto dal Soccorso alpino di Asiago e da quello della Pedemontana del Grappa, per essere poi preso in carico dall'equipe medica e dal tecnico di elisoccorso dell'elicottero di Treviso emergenza, sbarcati nelle vicinanze con un verricello di 20 metri. Prestate le prime cure, il giovane è stato imbarellato e spostato in un punto più comodo per il recupero, avvenuto sempre con il verricello. L'eliambulanza è poi volata all'ospedale di Bassano. 

 

Pubblicato in 2021
Domenica, 19 Settembre 2021 09:58

AIUTATI SETTE EX ALPINI AL RIENTRO DALL'ORTIGARA

Enego (VI), 19 - 09 - 21
Ieri sera verso le 21 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino di Asiago, per sette appartenenti all'Associazione nazionale alpini in difficoltà al rientro dall'Ortigara.  Arrivati a Campomulo in pullman per recarsi sui campi di battaglia con la propria comitiva dell'Ana lombarda, al momento di rientrare i sette amici erano rimasti indietro e a un bivio avevano sbagliato direzione. Dopo aver a lungo camminato (per i lavori di sistemazione in corso ci vogliono già 8 chilometri a piedi per raggiungere la partenza del sentiero), poiché uno di loro iniziava a sentire la spossatezza dovuta alla fatica, hanno chiesto aiuto. Dopo essere risaliti al punto in cui si trovavano, due squadre li hanno raggiunti in fuoristrada, riaccompagnati a Malga Mandrielle e, in accordo con il conducente della corriera, i soccorritori li hanno portati attorno alle 23 direttamente a Gallio, per accorciare i tempi di rientro.
Pubblicato in 2021
Pagina 4 di 8

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.