Lunedì, 03 Agosto 2020 09:16

SOCCORSO ANZIANO IN DIFFICOLTÀ

Roana (VI), 02 - 08 - 20
Alle 10 circa, su richiesta dei Carabinieri di Asiago, è stato allertato il Soccorso alpino di Asiago per un anziano che si era smarrito nella zona di Croce Crivello sul Monte Verena. Contattato telefonicamente, A.S., 82 anni, di Chioggia (VE), ha spiegato il percorso ai soccorritori, che hanno intuito dove potesse trovarsi e sono partiti assieme ai Carabinieri forestali di Roana. Ottenute anche le coordinate Gps del punto, un soccorritore ha raggiunto l'uomo, che nel frattempo aveva trovato la compagnia di una persona di passaggio. L'anziano è stato quindi aiutato a scendere fino al Piazzale del Verenetta dove è arrivata la moglie a prenderlo.
Pubblicato in 2020
Danta di Cadore (BL), 30 - 07 - 20
Ieri sera attorno alle 20.30 il Soccorso alpino della Val Comelico è stato allertato per un anziano che aveva smarrito l'orientamento nella zona delle Torbiere e si trovava al riparo dalla pioggia sotto un albero. Ottenute le coordinate Gps del punto in cui si trovava, una squadra si è portata sul posto, per appurare però, dopo mezz'ora di ricerca e inutili richiami, che erano sbagliate probabilmente a causa della scarsa copertura. Altre squadre si sono allora aggiunte, compreso il Sagf, è hanno allargato l'area dell' perlustrazione, finché attorno alle 22 si è potuti risalire alla geolocalizzazione corretta e i soccorritori che si trovavano più vicini lo hanno individuato e raggiunto. Intirrizzito e stanco, l'ottantacinuenne di Scorzè (VE), è stato riaccompagnato alla strada e da lì caricato a bordo di un mezzo, per poi tornare a casa. L'intervento si è concluso verso mezzanotte.
Pubblicato in 2020
Sabato, 01 Agosto 2020 11:43

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 29 - 07 - 20
Alle 13.40 circa il Soccorso alpino do Cortina è stato allertato per un escursionista infortunatosi, mentre con la moglie scendeva dal sentiero sulle piste da sci sotto la Croda Negra. Una squadra del Soccorso alpino della Guardia di finanza ha quindi  raggiunto in fuoristrada l'uomo, P.M., 68 anni, di Perugia, impossibilitato a camminare per un possibile trauma alla caviglia seguito a una scivolata, e lo ha accompagnato fino al Passo Falzarego, da dove si è allontanato autonomamente.
Attorno alle 16 il Soccorso alpino della Val di Zoldo è partito per andare a recuperare un giovane che si era fatto male nei boschi tra Dont e Cercenà. A.B., 23 anni, torinese, partito per un lungo giro, aveva smarrito il percorso ritrovandosi in un tratto boschivo alquanto impervio ed era caduto, con conseguenti escoriazioni e una probabile distorsione alla spalla. Una squadra lo ha individuato risalendo alla sua posizione grazie alle indicazioni ricevute dall'escursioniata e lo ha raggiunto, 100 metri sopra il sentiero. Dopo avergli immobilizzato la spalla, i soccorritori lo hanno accompagnato sul sentiero e da lì verso l'abitato di Foppa, luogo più accessibile per l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore. Imbarcato con un verricello, il ragazzo è stato trasportato all'ospedale di Belluno.
Pubblicato in 2020
Lunedì, 27 Luglio 2020 13:18

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 26 - 07 - 20
Attorno a mezzogiorno è scattato l'allarme per un'anziana che si era allontanata senza fare più ritorno dalla frazione di Arina a Lamon, cercata inutilmente dai familiari che l'avevano persa di vista verso le 8.30 del mattino. È quindi stata avviata la ricerca con squadre del Soccorso alpino di Feltre e i Vigili del fuoco. Alle 14 circa la donna, A.B., ottantenne, di Spinea (VE) è stata ritrovata. Era scivolata in una scarpata nei dintorni del borgo e si era ferita. Prestate le prime cure, l'anziana è stata imbarellata e trasportata fino all'ambulanza partita in direzione dell'ospedale di Feltre. Alle 15.15 la Centrale del 118 è stata contattata da 4 escursionisti, due uomini e due donne, che saliti dalla Ferrata delle Tofana, al momento di scendere all'altezza della Tofana di Mezzo avevano perso il sentiero a 2.900 metri di quota. Dopo aver ricevuto informazioni sulla loro posizione, i quattro hanno deciso che sarebbero risaliti autonomamente, salvo poi ricontattare la Centrale e chiedere aiuto. Il gruppetto è stato recuperato dal Pelikan di Bressanone e lasciato a valle. Alle 15.45 il Soccorso alpino di Alleghe è stato inviato alla cascata del Lago, dove una donna si era fatta male a una gamba. L'infortunata, una cinquantenne di Treviso, è stata raggiunta, medicata e portata all'ambulanza partita poi per Agordo. Ha riportato un probabile trauma cranico invece un escursionista ruzzolato nel Gruppo del Bosconero, Val di Zoldo. L'uomo era salito dal Rifugio Bosconero fino a Forcella Tovanella con due amici, un uomo e una donna, ma durante la discesa aveva perso l'equilibrio cadendo nel ghiaione e sbattendo la testa. L'equipe medica dell'elicottero del Suem di Pieve di Cadore sbarcata nelle vicinanze assieme al tecnico di elisoccorso ha subito prestato le prime cure urgenti a S.P., 38 anni, di Treviso e, dopo averlo caricato in barella lo ha imbarcato con un verricello di 5 metri e trasportato all'ospedale di Treviso. L'equipaggio ha recuperato anche i compagni dell'uomo, rimasti scioccati dall'incidente.
Pubblicato in 2020
Venerdì, 24 Luglio 2020 11:16

DUE INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 22 - 07 - 20
Attorno alle 18.30 la Centrale del 118 è stata allertata da un escursionista che, scendendo dal Monte Rite verso il Rifugio Talamini, nel comune di Vodo di Cadore, aveva perso il sentiero a causa di alcuni schianti e non riusciva più ad orientarsi nella zona della Forcella della Val Inferna. In suo aiuto è stata inviata una squadra del Soccorso alpino di San Vito di Cadore, che ha individuato G.M., 74 anni, di Saccolongo (PD), e lo ha raggiunto. Al momento i soccorritori stanno rientrando con lui e lo riaccompagneranno alla sua auto. Verso le 19 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è invece decollato in direzione di Forcella Forada, sotto il Pelmo, comune di Borca di Cadore, dove una trentacinquenne di Mirano (VE), era scivolata sul fango procurandosi la probabile frattura di una gamba. Medicata dal personale sanitario, la donna, che si trovava con un'altra persona, è poi stata caricata a bordo con il verricello e trasportata all'ospedale di Belluno.
 
Pubblicato in 2020
Venerdì, 24 Luglio 2020 11:11

RECUPERATI ESCURSIONISTI SULLA SCHIARA

Belluno, 20 - 07 - 20
Alle 18.30 circa la Centrale del 118 è stata allertata da tre escursionisti in difficoltà in cima alla Schiara. I tre, due ragazze di 25 anni e un ragazzo di 30 di Padova, erano arrivati in cresta dalla Ferrata Berti. Al momento di scendere però erano salite le nubi, una delle ragazze aveva avuto una crisi di panico e nella nebbia avevano perso l'orientamento. L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato a Belluno e ha imbarcato due dei cinque volontari del Soccorso alpino di Belluno, arrivati in piazzola per intervenire in caso l'assenza di visibilità non avesse consentito l'avvicinamento diretto. Una volta sulla vetta, un varco ha invece permesso di puntare subito sul gruppetto, individuato grazie alle coordinate Gps fornite dai tre. Calato il tecnico di elisoccorso con un verricello, i ragazzi sono poi stati caricati a bordo in hovering e trasportati a valle.
Pubblicato in 2020
Lunedì, 20 Luglio 2020 13:56

INTERVENTI IN MONTAGNA

Belluno, 19 - 07 - 20
Questa mattina alle 9.45 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato sulla Terza Pala di San Lucano, a Taibon Agordino, per una cordata bloccata. Dopo aver bivaccato in parete lungo la Via Tissi - Andrich, due alpinisti avevano ripreso la scalata, ma erano usciti al di fuori del tracciato corretto ritrovandosi in un tratto difficile. Impossibilitati a proseguire, M.B., 35 anni, di Tezze sul Brenta (VI) e A.D.M., 50 anni, di Cittadella (PD), hanno chiamato il 118. Recuperati dal tecnico di elisoccorso con un verricello di 40 metri, un centinaio di metri sotto la cima, i due rocciatori sono stati trasportarti a valle. L'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto a Cortina d'Ampezzo sulla normale al Sass de Stria e ha recuperato un escursionista, di 74 anni, che era scivolato e si era fatto male a una gamba. Attorno alle 13 il Soccorso alpino di San Vito di Cadore è stato allertato per un'escursionista che si era persa rientrando all'abitato di Vodo di Cadore. P.D., 46 anni, di Venezia, che stava scendendo con il proprio cane lungo il sentiero non distante da Casera Cercenà, dopo aver trovato degli schianti aveva perso l'orientamento fino a incrodarsi sopra alcuni salti di roccia. Risaliti alle coordinate del punto, un soccorritore la ha individuata e raggiunta dal basso, poiché il punto indicato non era preciso. Una volta da lei, la ha accompagnata al Rifugio, dove attendeva una squadra in jeep che li ha riportati a Vodo.
Una squadra del Soccorso alpino dell'Alpago è invece stata inviata non distante dalla chiesetta di Sant'Antonio Tiriton, sul sentiero che scende dal Cansiglio verso Farra d'Alpago, dove una donna, E.L., 40 anni, di Piove di Sacco (PD), era caduta riportando un probabile trauma facciale. I soccorritori le hanno prestato le prime cure assieme ai sanitari dell'ambulanza, la hanno imbarellata è trasportata fino alla strada per caricarla a bordo e trasferirla all'ospedale. È stato invece sufficiente un consiglio telefonico da parte del Soccorso alpino di Cortina per tre escursionisti, che avevano perso il sentiero sulla Tofana di Mezzo. Geolocalizzati, sono stati reindirizzati sul tracciato corretto.
Pubblicato in 2020
Lunedì, 13 Luglio 2020 10:50

RECUPERATI ESCURSIONISTI IN DIFFICOLTÀ

Borca di Cadore (BL), 12 - 07 - 20
Passate da poco le 17 il Soccorso alpino di San Vito di Cadore è stato allertato per una coppia di escursionisti in difficoltà. I due, W.B., 51 anni, lui, e S.B., 39 anni, lei, entrambi di Padova, scandendo da Forcella Val d'Arcia verso il Rifugio Venezia avevano smarrito il sentiero prima del tratto attrezzato e, disorientati, non sapevano più come procedere. I soccorritori hanno raggiunto i due e li hanno riaccompagnati fino al Rifugio, da dove sono stati portati a Villanova per il rendez vous con l'ambulanza, in quanto, si è appreso una volta da loro, l'uomo era scivolato sbattendo la schiena. Erano presenti anche i Vigili del fuoco. 
Pubblicato in 2020
Venerdì, 10 Luglio 2020 16:41

SOCCORSO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Malcesine (VR), 04 - 07 - 20
Questa mattina verso le 10.15, il Soccorso alpino di Verona è stato allettato per un escursionista in difficoltà. L'uomo, 54 anni, di Rovereto, si era incamminarsi lungo un sentiero usato per la manutenzione della linea elettrica prima della galleria di Navene, finendo bloccato sopra un salto di roccia in un bosco ripido. Mentre una squadra si portava a Rivoli, risaliti alle coordinate del punto un cui si trovava i soccorritori di Riva lo hanno localizzato, raggiunto e riaccompagnato a valle.
Pubblicato in 2020
Giovedì, 04 Giugno 2020 15:51

SOCCORSO ESCURSIONISTA IN DIFFICOLTÀ

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20
Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da un escursionista che, a causa della nebbia, aveva perso il sentiero che dalla cima del Monte Dolada scende al bivacco Scalon e prosegue per l'abitato di Soccher. L'uomo E.P., 55 anni, di Ponte nelle Alpi (BL), all'inizio aveva poi tentato di scendere in autonomia, senza però riuscirci. Ricontattato, in suo aiuto è quindi decollato l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore, mentre si preparavano in piazzola le squadre del Soccorso alpino di Longarone e Alpago, nel caso in cui l'eliambulanza non fosse riuscita a portare a termine il recupero. L'elicottero, avvicinatosi il più possibile al limitare della nebbia, ha sbarcato il tecnico di elisoccorso a valle dell'escursionista. Il soccorritore lo ha quindi raggiunto e, dopo averlo assicurato, lo ha accompagnato in un punto in cui è potuto avvenire l'imbarco, effettuato con un verricello di alcuni metri.
Pubblicato in 2020
Pagina 1 di 12

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.