Emergenza Corona Virus

Con la possibilità di riprendere a spostarsi per attività sportiva e motoria, individuale o con componenti del nucleo familiare, invitiamo alla massima prudenza e a osservare le misure di contenimento del contagio da Coronavirus previste. Da oggi, 4 maggio, sarà possibile riprendere a praticare attività fisica e sportiva all'aperto, raggiungendo luoghi anche distanti da casa, sempre inclusi all'interno dei confini regionali. Si potra quindi tornare in montagna. Di seguito riportiamo i punti dell'Ordinanza regionale che ci riguardano più da vicino.

Al punto 4 dell'Ordinanza del 3 maggio 2020 della Regione Veneto, in integrazione al Dpcm 26.4.2020, si legge: "Attività motoria e sportiva nel terrirorio regionale. È consentito lo svolgimento individuale o con componenti del nucleo famigliare di attività sportiva o motoria quali, a titilo esemplificativo e non esaustivo, camminata, corsa, ciclismo, tiro con l'arco, equitazione, tennis, golf, pesca sportiva, canottaggion ecc.. Al fine di svolgere l'attività motoria o sportiva di cui sopra, è consentito anche spostarsi con mezzi pubblici o privati per raggiungere il luogo individuato per svolgere tali attività, nei limiti del terrirorio regionale; è consentita l'attività motoria collegata all'addestramento di animali all'aperto" Al punto 3 si specifica: "Per coloro che svolgono attività motoria intensa non è obbligatorio l'uso di mascherina o copertura durante l'attività fisica intensa, salvo l'obbligo di utilizzo alla fine dell'attività stessa". Per spostamenti in auto e mezzi pubblici, distanze e norme igieniche, vigono le stesse regole previste per ogni attività.

Ciò premesso, ricordiamo a tutti i frequentatori della montagna che la Fase 2 appena iniziata deve vederci partire con assoluto rispetto delle norme vigenti, gradualmente e all'insegna della prudenza. Al riguardo sconsigliamo di muovervi da soli; informate sempre qualcuno dei vostri spostamenti e tempi presunti di rientro, avvertendo in caso di cambiamenti nel programma. Usciamo da quasi due mesi di scarsa attività, quindi ripartite con uscite alla portata, senza superare i vostri limiti. I Rifugi continuano ad essere chiusi, i bivacchi possono accogliere le persone solo in caso di emergenza e "L'accesso equivale all'assunzione di responsabilità per l'utente del rischio di contagio da Covid - 19, non essendo luoghi controllati" si legge in una nota del Cai Veneto.
In caso di necessità, contattare il 118. Le nostre squadre, come già avvenuto durante la prima fase, risponderanno ad ogni eventuale chiamata di intervento.

 

IMG 20200504 WA0005

 

 

 


Documenti di riferimento del soccorso alpino in relazione alla attuale emergenza COVID-19

 

Come si diventa soccorritori

Entrare nel Soccorso alpino e speleologico del Veneto


L’ammissione al Sasv è possibile per tutti i soci del Club Alpino Italiano di età compresa tra i 18 e i 45 anni, dopo il superamento delle prove di ammissione, necessarie per la verifica dei requisiti richiesti.
La domanda va presentata al responsabile della Stazione del Sasv competente per territorio, corredata del curriculum dell’attività alpinistica o speleologica degli ultimi due anni e di un certificato medico.
Requisiti per il Soccorso alpino
Capacità di movimento su tutti i terreni di montagna, arrampicata su roccia da capocorda (4°UIAA) e su ghiaccio (60°), sci su tutti i tipi di neve.
Requisiti per il Soccorso speleologico
Conoscenza della tecnica di arrampicata e di movimento in grotta, capacità di attrezzamento e di progressione su corda e in meandro.

Le Delegazioni

Il Soccorso alpino e speleologico del Veneto è suddiviso in tre Delegazioni, II Dolomiti Bellunesi, XI Prealpi Venete, VI Speleologica, delle quali fanno parte 769 soccorritori. . Il Sasv è chiamato a intervenire in ambiente impervio, montano e ipogeo ed è disponibile 24 ore al giorno per 365 giorni all’anno, su tutto il territorio regionale e, su allertamento del Cnsas, anche su territorio extraregionale.

La II Delegazione Dolomiti Bellunesi opera nelle province di Belluno e Treviso, è composta da 504 soccorritori ed è suddivisa in 19 Stazioni: Agordo, Alleghe, Alpago, Auronzo, Belluno, Centro Cadore, Cortina d’Ampezzo, Feltre, Livinallongo, Longarone, Pedemontana del Grappa, Pieve di Cadore, Prealpi Trevigiane, San Vito di Cadore, Val Biois, Val Comelico, Val Fiorentina, Val Pettorina, Valle di Zoldo.
L’XI Delegazione Prealpi Venete opera nelle province di Padova, Verona e Vicenza, è composta da 186 soccorritori ed è suddivisa in 6 Stazioni: Asiago, Arsiero, Padova, Recoaro-Valdagno, Schio, Verona.
La VI Delegazione Speleologica opera in tutto il territorio regionale ed è spesso chiamata ad intervenire anche in altre regioni dell’Italia e all’estero. Composta da 79 soccorritori, è suddivisa in 3 Stazioni: Veneto Orientale, Verona speleo e Vicenza speleo. 

 
SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO VENETO Presidente: Rodolfo Selenati

SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO VENETO Presidente: Rodolfo Selenati

SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO VENETO Vicepresidente: Giovanni Busato

SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO VENETO Vicepresidente: Giovanni Busato

II DELEGAZIONE DOLOMITI BELLUNESI Delegato: Alex Barattin

II DELEGAZIONE DOLOMITI BELLUNESI Delegato: Alex Barattin

II DELEGAZIONE DOLOMITI BELLUNESI Vicedelegato: Mario Brunello

II DELEGAZIONE DOLOMITI BELLUNESI Vicedelegato: Mario Brunello

II DELEGAZIONE DOLOMITI BELLUNESI Vicedelegato: Ferruccio Barel

II DELEGAZIONE DOLOMITI BELLUNESI Vicedelegato: Ferruccio Barel

XI DELEGAZIONE PREALPI VENETE Delegato: Alberto Barbirato

XI DELEGAZIONE PREALPI VENETE Delegato: Alberto Barbirato

XI DELEGAZIONE PREALPI VENETE Vicedelegato: Roberto Morandi

XI DELEGAZIONE PREALPI VENETE Vicedelegato: Roberto Morandi

XI DELEGAZIONE PREALPI VENETE Vicedelegato: Luca Nardi

XI DELEGAZIONE PREALPI VENETE Vicedelegato: Luca Nardi

VI DELEGAZIONE SPELEOLOGICA Delegato: Giovanni Ferrarese

VI DELEGAZIONE SPELEOLOGICA Delegato: Giovanni Ferrarese

VI DELEGAZIONE SPELEOLOGICA Vicedelegato: Damiano Federti

VI DELEGAZIONE SPELEOLOGICA Vicedelegato: Damiano Federti

VI DELEGAZIONE SPELEOLOGICA Vicedelegato: Cristiano Zoppello

VI DELEGAZIONE SPELEOLOGICA Vicedelegato: Cristiano Zoppello


ORGANIGRAMMA

SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO VENETO
Presidente: Rodolfo Selenati
Vicepresidente: Giovanni Busato

II DELEGAZIONE DOLOMITI BELLUNESI
Delegato: Alex Barattin
Vicedelegato: Mario Brunello
Vicedelegato: Ferruccio Barel

XI DELEGAZIONE PREALPI VENETE
Delegato: Alberto Barbirato
Vicedelegato: Roberto Morandi
Vicedelegato: Luca Nardi

VI DELEGAZIONE SPELEOLOGICA
Delegato: Giovanni Ferrarese
Vicedelegato: Damiano Federti
Vicedelegato: Cristiano Zoppello

 

 

  • 1
  • 2

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.