INTERVENTI IN MONTAGNA

Scritto da
Belluno, 16 - 06 - 18
Questa mattina alle 8 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione della Torre Trieste, dove una coppia di alpinisti aveva passato la notte. Salendo, infatti, i due erano stati colpiti da una scarica di sassi, che aveva colpito alla schiena la donna, S.P., 45 anni, di Pisa, e aveva tranciato una delle corde. Recuperati con un verricello di 10 metri, i due sono stati trasportati a valle e la rocciatrice è stata accompagnata dall'ambulanza all'ospedale di Agordo. Nel primo pomeriggio l'eliambulanza è intervenuta a Cortina d'Ampezzo, sullo Spigolo Alverà - Menardi al Col dei Bos. Prima di una cordata di tre, un'alpinista di Prato, E.M., 45 anni, era volata per 15 metri, finendo in una stretta fessura. Sbarcato in parete, il tecnico di elisoccorso ha attrezzato una sosta e, aiutato da due soccorritori del Sagf e dal medico, è riuscito ad estrarre l'infortunata, imbarellata e recuperata con un verricello di 40 metri. La scalatrice è stata portata all'ospedale di Treviso con un possibile politrauma. Il Soccorso alpino di Alleghe è stato invece allertato dal 118 per un pescatore scivolato una decina di metri dalla scarpata del torrente Cordevole. Raggiunto e imbarellato, I.D.C., 49 anni, di Teramo, è stato poi affidato all'ambulanza diretta ad Agordo. Una squadra del Soccorso alpino di Belluno è infine intervenuta in Valle del Mis, a Sospirolo. Per scattare fotografie, R.R., 63 anni, di San Zenone degli Ezzelini (TV), era caduto in uno dei cadini del Brenton e non riusciva più ad uscirne. I soccorritori lo hanno quindi recuperato e riportato sul sentiero.

Informativa sulla privacy e Termini di utilizzo

Leggere con attenzione prima di utilizzare questo sito.

Il sito è di proprietà di CNSAS VENETO  ,
 L'utilizzo del sito comporta l'accettazione dei Termini e delle Condizioni dell'Informativa sulla Privacy.